corrierecity.com

Medicina

Charlie, nuova udienza il 13 luglio

Share
Charlie Gard

Sia l'Alta corte britannica che la Corte europea per i diritti umani hanno stabilito che per evitare inutili sofferenze al piccolo il sistema di sostentamento vitale da cui dipende dovrebbe essere staccato. Oggetto del contendere la possibilità di una nuova terapia da sperimentare che a questo punto, se concessa, scongiurerebbe l'ipotesi che al piccolo venga staccata la spina del respiratore artificiale che lo tiene in vita. Obiettivo del giudice sarà capire se ci sono le basi per sottoporre il bimbo a un trattamento sperimentale. I genitori di Charlie - ha detto il giudice dell'Alta Corte - dovranno portare prove più che convincenti sulla validità delle nuove terapie per fargli cambiare idea e decidere il trasferimento all'estero. La Corte, si era già espressa sul caso dando ragione ai medici del Great Ormond Street e autorizzandoli a staccare i macchinari che tengono in vita il neonato, però è stata nuovamente chiamata in causa dai medici dopo l'offerta di trattamenti da parte dell'ospedale Vaticano e di un ospedale statunitense. Io vedo invece segni di miglioramento. "Ma gli avvocati mi hanno spiegato che è meglio di no". Lo specialista ha ribadito anche che le chance di successo del trattamento sono di almeno il 10%. Chris e Connie, genitori di Charlie Gard, hanno ascoltato in silenzio e con i volti carichi di tensione il dibattimento tra il giudice Nicholas Francis e i legali, il loro e quello del Great Ormond Street Hospital.

Elisa Isoardi lascia Matteo Salvini: "Il tempo mette ognuno al proprio posto"
Ormai non ci sono dubbi: la giornalista e il leader della Lega Nord hanno troncato il loro rapporto sentimentale. Dopo questa prima frase la Isoardi aggiunge che ogni Re starà sul suo trono e ogni pagliaccio nel suo circo.

Dal momento che i dati non sono stati ancora condivisi sulle testate scientiche i colleghi oltre Manica non potevano esserne al corrente. Un team di medici internazionali si riunirà a giorni per capire se la situazione di Charlie sia davvero senza alcuna speranza, o se il piccolo possa davvero giocarsi la carta della cura sperimentale negli Usa, per trovare ancora un appiglio a cui aggrapparsi e sperare nella sua difficilissima situazione. Con la consulenza di ulteriori prove mediche fornite dai ricercatori italiani Francis però ha espresso la preoccupazione che i test sui topi della nuova terapia non potrebbero essere presi in considerazione rispetto alla condizione di Charlie. Il medico sostiene che l'elettroencefalogramma di Charlie Gard "mostra una disorganizzazione dell'attività cerebrale, non un danno strutturale maggiore". "Il fatto che molte persone la pensino come noi, ci conferma che stiamo facendo la cosa giusta", hanno detto.

Usa, 20enne uccide 4 coetanei: i corpi sepolti nella fattoria di famiglia
Da quanto emerso, Patrick e il presunto assassino avevano frequentato la stessa scuola superiore cattolica. La confessione di DiNardo probabilmente gli permetterà di evitare la pena di morte .

Loro affermano che Charlie non può muoversi, non può aprire gli occhi, non può respirare autonomamente, ha problemi all'udito e a diversi organi come cuore, reni e fegato: in altre parole la sua sarebbe un'esistenza dolorosa.

Roma, 8-0 nella prima uscita stagionale contro il Pinzolo
Marcatori: Perotti ( all'8' e al 37'), Castan (al 13'), Cappa (al 18'), Tumminello (al 26' e 43'), Ricci (27'), Ciavattini (48'). PINZOLO (4-4-2): Matteo Collini, Martino Collini (C), Iseppi, Armani, Riccadonna, Bortolli, Mosca, Lorenzi, Masé, Polla, Caola.

Share